Aumentano le visite dai dispositivi mobile

Tendenzialmente continua a crescere il numero di utenti che, in maniera regolare, accedono al web tramite dispositivo mobile. Infatti oggi è davvero molto più semplice, vantaggioso e veloce, collegarsi a internet da un dispositivo mobile, per via dei piani tarrifari flat presenti sul mercato e per la sempre più larga diffusione degli Smartphone.

Una navigazione ancora complementare

Dobbiamo però precisare che, almeno per ora, la navigazione è ancora complementare, si segnala sì l’aumento dei dati riguardanti il settore mobile, ma la navigazione “fissa” da desktop resiste. Cosa vuol dire tutto ciò? Semplice che gli utenti usano il Pc per navigare da casa e/o dall’ufficio mentre ricorrono agli smartphone o al tablet quando si trovano in situazioni di movimento, come per esempio quando si recano sul luogo di lavoro: in treno e sui mezzi pubblici sono sempre più numerose le persone che “navigano” intorno a noi. Ma dicevamo dei dati di questa complementarietà che viene evidenziata facendo notare gli orari di accesso, infatti aumenta l’accesso dai dispositivi mobili durante la classica pausa pranzo, cioè dalle ore 13:00 alle ore 14:00, mentre la navigazione dal fisso in questo arco temporale dimunisce. I dati tornano a comportarsi in maniera simile anche dopo le ore 18:00 cioè in orario di chiusura degli uffici. 

La ricerca su Google attraverso la navigazione mobile

Google, ovvero il motore di ricerca più usato nel web di tutti i continenti, ha rilasciato delle recenti statistiche dove viene notevolmente evidenziando il dato che vuole un sensibile aumento delle ricerche mensili, che hanno ormai superato i 100 miliardi complessivi, e dove più della metà di queste sono effettuate tramite l’utilizzo di dispositivi mobili, come smartphone e tablet. La conferma di questi interessanti dati ci arriva proprio da Smith Singhal, cioè il responsabile della divisione ricerche di Google che, in occasione della conferenza “Code/Mobile” ha voluto portare all’attenzione degli interessati come, oggi giorno, la maggioranza delle ricerche arrivi proprio dal settore mobile che ha così sempre più avvicinato i numeri di ricerca della ricerca da desktop. Attenzione, anche qui le ricerche via desktop, cioè dal computer fisso che abbiamo in casa o in ufficio, non sono affatto dimunuite, sono invece aumentare in maniera esponenziale, negli ultimi tempi, le ricerche da smartphone e tablet. Torna quindi la complementarietà di prima anche nei dati della grande G.

YouTube è in movimento

Conferme che arrivano anche da YouTube, cioè la popolare piattaforma di condivisione video, che rivela dalle sue pagine ufficiali come la sessione media di visualizzazione, su base annua, da dispositivi mobili, arrivi ora a più di 40 minuti, segnando una crescita pari al 50%. Secondo le statistiche di YouTube, più della metà delle sue visualizzazioni, provengono attualmente dai dispositivi mobili, raddopiando di fatto le entrate annue dal comparto mobile. 

L’importanza economica della navigazione mobile

In conclusione si può notare come il numero di pagine viste e il tempo di permanenza su di esse siano aumentate concretamente nei siti ottimizzati rispetto alle loro visualizzazioni classiche, anche se è bene precisare che la profondità di navigazione dimuisce sensibilmente e a volte non arriva poco oltre la visualizzazione della home page. Questi sono dati economici di rilievo che dovrebbero essere portati all’attenzione di ogni sito di e-commerce e non solo. Per non perdere terreno e guadagni le aziende sono sempre più chiamate ad aggiornare, ad ottimizzare i propri siti per la visualizzazione da dispositivi mobili, dai 6 pollici di schermo in su, dovendo prevedere l’applicazione di funzionalità diverse o aggiuntive, e lo sviluppo di apposite app per android o Ios. Ma se è vero che ogni operatore dovrebbe tener conto dei comportamenti e delle aspettative dei navigatori “mobili” è altrettanto vero l’aumento di interesse degli operatori per questo mercato che ha appena cominciato a mettere in luce tutte le sue potenzialità.

il tuo sito è mobile friendly?